Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
15 Settembre 2019 |

News 13 Aprile 2016

Foschi sulla democrazia: “È un patrimonio comune che va rispettato nonostante visioni differenti”

Foschi sulla democrazia: “È un patrimonio comune che va rispettato nonostante visioni differenti”

"La democrazia è una cosa seria, è un valore assoluto, non relativo, che nessuno può permettersi di strumentalizzare a suo piacimento ma un patrimonio comune che tutti dobbiamo rispettare anche scontrandoci su visioni differenti. Voltare pagina e avviare la Repubblica verso una stagione nuova passa anche da qui". Con queste parole Ivan Foschi prova a tutelare la democrazia da chi vorrebbe farla scomparire.

"In quanti dibattiti, in quanti comunicati di alcuni partiti, comitati, organizzazioni, categorie economiche ci si sente chiamare a raccolta per ‘difendere la democrazia’ da chi minaccia di togliercela? Quello che una volta era confronto, e anche scontro dialettico - si legge nella nota del consigliere di Sinistra unita -, è a oggi diventato una battaglia di ‘resistenza’, tanto che una qualunque associazione o rappresentanza diventa una sorta di Comitato di salute pubblica che, prima di tutto difende le istituzioni, il popolo, i diritti dei cittadini, e poi, ma solo casualmente, le Istanze che interessano la propria parte politica o di categoria!".

Secondo Foschi "spesso si trovano opinioni opposte ma analogamente legittime", per esempio c’è chi sostiene che "in un referendum debba decidere solo chi va a votare, quindi senza alcun quorum, poiché chi non partecipa si disinteressa e deve accettare le decisioni prese da altri" o chi pensa che "se una legge è approvata dalla maggioranza assoluta dei rappresentanti dei popolo, cioè dal Parlamento, occorra almeno un quorum minimo di cittadini per sconfessarla, senza che questo significhi minacciare la democrazia". Proprio perché il Parlamento "rappresenta comunque la maggioranza dei cittadini elettori e pertanto, per ribaltare una sua decisione, sia necessario un numero preciso di consensi, altrimenti significherebbe che una minoranza prevale sulla maggioranza". Oppure se la Caritas, o qualunque altro ente umanitario, "decide di accogliere nelle proprie strutture alcuni stranieri bisognosi di aiuto, deve per forza chiedere ‘l’opinione dei cittadini’ altrimenti significa non rispettare la volontà popolare? Potrei condividere la necessità di interpellare la comunità se si pretendesse la disponibilità degli alloggi dei singoli cittadini, ma nel momento in cui questo non toglie nulla a nessuno, per quale motivo un ente benefico non può fare quello che gli pare in casa sua?" O ancora, "sostenere che i lavoratori siano più tutelati da un contratto nazionale unico anziché da una contrattazione fatta in ogni singola azienda, e dunque lasciata alla buona volontà del singolo imprenditore, significa non avere una visione democratica? Sostenere che siano più rappresentativi 10 datori di lavoro che in tutto impiegano 1.000 dipendenti è forse meno democratico di sostenere che lo siano maggiormente 50 datori di lavoro che in tutto impiegano 100 persone? Chi dunque ritiene che sia più importante un contratto che riguarda 1.000 lavoratori anziché 100 è dunque un nemico della democrazia?".

Il consigliere di Sinistra unita, con questi esempi, ha voluto far notare che l’argomento della "emergenza democratica" è "molto relativo e declinabile a seconda delle convenienze, ma questo con tutta probabilità sta a significare che non è davvero in gioco la sopravvivenza della nostra democrazia e che, più verosimilmente, per coloro che sono a corto di argomenti è più facile gridare allo scandalo agitando irrealistiche minacce di sciagura imminente se non si fa come costoro richiedono. Più difficile è rispettare le opinioni altrui, contrastandole anche aspramente ma senza delegittimare chi le esprime, come se quelli che non la pensano allo stesso modo fossero tutti incapaci, corrotti, o portatori di interessi reconditi".

Molto probabilmente la vera "emergenza democratica" è quella di "non riuscire più a confrontarsi nel merito delle questioni ma dovere fare a ricorso a toni da crociata come se ad ogni votazione avessimo dall’altra parte un’orda di barbari anziché un gruppo di avversari politici con una proposta diversa dalla nostra".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI