Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Mercoledì 18 Ottobre 2017 |

News 31 Maggio 2016

Appalti pubblici, il Congresso dà la priorità ai disoccupati

Approvata una direttiva di maggio che da mandato all’Azienda di inserire fra le condizioni contrattuali anche l’obbligo di assunzione dei soggetti socialmente deboli

Appalti pubblici, il Congresso dà la priorità ai disoccupati

La disoccupazione sul Titano è in aumento, come riporta l’Ufficio statistica nel primo trimestre al 31 marzo 2016 le forze di lavoro complessive sono pari a 21.715 unità di cui 11.864 maschi (54,6%) e 9.851 femmine (45,4%); rispetto al 31 marzo 2015 si evidenzia un incremento di 62 unità (+0,3%).

I lavoratori dipendenti sono 18.406 (85% della forza lavoro), 1.841 sono lavoratori indipendenti (8,6%) ed infine, 1.468 sono i disoccupati totali (6,4%), di cui 1.169 sono disoccupati in senso stretto.

Nel Settore Pubblico Allargato – riporta l’ufficio statistica - i lavoratori sono diminuiti di 81 unità nell’ultimo anno, assestandosi a 3.709 (-2,1% rispetto al 31 marzo 2015), di cui 2.288 femmine e 1.421 maschi. Le diminuzioni più consistenti si registrano nell’Azienda Autonoma di Stato dei Servizi (-50), nell’Azienda Autonoma di Stato per i Lavori Pubblici (-18) ), e nell’Università degli studi (-6). In controtendenza c’è la Pubblica Amministrazione, che ha registrato un aumento di 12 unità.

DISOCCUPAZIONE - Al 31 marzo 2016 i disoccupati totali ammontano a 1.468 unità (+66 rispetto al 31 marzo 2015); di questi, 1.169 sono disoccupati in senso stretto (+45 rispetto al 31 marzo 2015), ovvero coloro che si rendono immediatamente disponibili ad entrare nel mondo del lavoro. Per questi ultimi, in particolare, la fascia di età che conta il maggior numero di disoccupati è quella dai 20 ai 29 anni (30,1% del totale), così come per i disoccupati totali (32,1% del totale). Tra i disoccupati in senso stretto, il titolo di studio prevalente è il diploma di maturità (34,7% del totale), mentre la percentuale di disoccupati laureati è pari al 12,4% con 145 unità.

AZIONI DA PARTE DELO STATO PER LA RIPRESA - La situazione sotto il profilo occupazione quindi non è delle migliori, proprio per questo lo Stato ha dato il via a particolari azioni volte a favorire la ripresa economica e per cercare di dare un sostegno alle famiglie in difficoltà. In particolare con la delibera numero 17 del 17 maggio 2016 che da le "direttive relative al conferimento, da parte dell’AASS, di appalti per la manutenzione delle infrastrutture di captazione, approvvigionamento, trasporto e distribuzione dell’acqua, del gas e dell’energia elettrica e per il servizio di igiene urbana", si può leggere nella direttiva che "sentiti i riferimenti del Segretario di Stato per il Turismo, Rapporti con l’A.A.S.S. e del Segretario di Stato per gli Affari Interni e Giustizia, Funzione Pubblica; visto l’articolo 13, comma 3, lettera d) del Decreto Delegato 2 marzo 2015 n.26 (Il presente decreto delegato definisce le condizioni, i presupposti e le procedure da adottare per i contratti fra la Pubblica Amministrazione, gli Enti del Settore Pubblico Allargato e le Aziende Autonome di Stato, da un lato, e le imprese, dall’altro, aventi per oggetto l’acquisizione di beni, di consumo o d’uso, e di servizi in particolare il comma 3 afferma che l’aggiudicazione dell’appalto, fatto salvo quanto previsto per l’appalto concorso, può essere deliberata con il criterio del prezzo più basso oppure con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Il prezzo più basso è determinato mediante anche la composizione dell’organico aziendale, con particolare riferimento alla presenza di lavoratori a tempo indeterminato, di lavoratori assunti tra gli iscritti alle liste di avviamento al lavoro e di soggetti invalidi e portatori di deficit assunti volontariamente. ndr) ed in applicazione analogica dello stesso con riferimento al settore degli appalti di lavori pubblici, servizi e forniture complementari alle opere pubbliche; considerato che la predetta norma individua, tra gli altri, quale criterio preferenziale per il conferimento di commesse pubbliche la composizione dell’organico aziendale dell’impresa, con particolare riferimento alla presenza di lavoratori a tempo indeterminato, di lavoratori assunti tra gli iscritti alle liste di avviamento al lavoro e di soggetti invalidi e portatori di deficit assunti volontariamente ai sensi della Legge 29 maggio 1991 n.71". Inoltre nella stessa delibera si legge che il Congresso "valutata le necessità di sviluppare politiche occupazionali anche tramite lo strumento degli appalti pubblici promuovendo l’assunzione di inoccupati e disoccupati iscritti alle liste di mobilità ed avviamento al lavoro, specie da parte di imprese appaltatrici che abbiano con l’AASS rapporti economici caratterizzati dalla continuità e rilevanza delle commesse conferite rispetto al fatturato aziendale; visto l’articolo 11 della Legge 26 novembre 1980 n.88, dispone che l’AASS inserisca, fra le condizioni contrattuali degli appalti specificati in oggetto da stipularsi con imprese che abbiano con l’Azienda medesima rapporti economici caratterizzati dalla continuità e rilevanza delle commesse conferite rispetto al fatturato aziendale, l’obbligo di assunzione di inoccupati e disoccupati iscritti alle liste di mobilità e di avviamento al lavoro nonché di soggetti socialmente deboli".

OBBLIGHI - "Tali obblighi dovranno essere assolti - come riporta la delibera - secondo modalità definite dall’AASS a seguito del confronto con le imprese medesime, tenendo conto di criteri di sostenibilità economica e di gradualità nonché della possibilità di utilizzo dei vigenti strumenti per l’inserimento lavorativo e l’innalzamento dei livelli occupazionali".

Infine la direttiva sottolinea che "il direttore dell’AASS dovrà riferire sulla stato di attuazione della superiore direttiva entro il 31 luglio 2016".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI