Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
17 Dicembre 2017 |

News 29 Maggio 2016

Mularoni tenta il suicidio in cella ma non è in pericolo di vita

Mularoni tenta il suicidio in cella ma non è in pericolo di vita

Non sarebbe in gravi condizioni di salute l’ispettore del Sia, Davide Mularoni, detenuto nel carcere dei Cappuccini dallo scorso gennaio, che l’altra sera avrebbe tentato un gesto estremo nella sua cella. L’uomo, da quanto si apprende dal sito internet di San Marino Rtv, è stato visitato immediatamente dai medici e di nuovo nella giornata di ieri, sempre nel carcere dei Cappuccini.

Suona forte però la preoccupazione dell’avvocato Alessandro Petrillo, che insieme a Tania Ercolani difende sia Mularoni, sia Paolo Berardi, l’altro ispettore condannato sempre per la vicenda delle tangenti sui cantieri. Ha infatti lanciato l’allarme sulla condizione psicologica dei due assistiti, provati dalla detenzione e caduti in uno stato di prostrazione ulteriore l’altro giorno, a fronte di una comunicazione del tribunale portata ai due dalla stessa Ercolani, in merito alla perizia medico legale sulle loro condizioni di salute richiesta un mese fa.

A tal proposito giudice avrebbe disposto la sostituzione del perito e la nomina di un nuovo esperto. Una notizia che avrebbe aggravato la condizione psicologica dei due: "condizioni a rischio" le definisce Petrillo, che non ha ricevuto alcuna comunicazione ufficiale sull’accaduto, ma che ha sentito telefonicamente i suoi assistiti.

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI