Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Venerdì 20 Ottobre 2017 |

News 28 Maggio 2016

SERVIZI UTILI ALLA COMUNITÀ E ALLE IMPRESE, AL VIA IL RECUPERO

Approvato il progetto di legge nella seduta consiliare scorsa

SERVIZI UTILI ALLA COMUNITÀ E ALLE IMPRESE, AL VIA IL RECUPERO

Nella seduta consiliare scorsa, precisamente il 20 maggio, è stato approvato con 25 voti a favore il progetto di legge "Modifiche alla legge 29 gennaio 1992 n. 7 – Piano regolatore generale per la creazione di servizi utili alla comunità e alle imprese". Il relatore di maggioranza Stefano Canti ha illustrato il progetto affermando che "è stato esaminato dalla competente Commissione Consiliare Permanente Igiene e Sanità, Previdenza e Sicurezza Sociale, Politiche Sociali, Sport, Territorio, Ambiente e Agricoltura nella seduta del 14 marzo. Il progetto di Legge in oggetto, come si evince dal titolo del provvedimento stesso, individua alcune modifiche di destinazione urbanistica all’attuale strumento di pianificazione generale del territorio per agevolare nuovi investimenti in favore della comunità e per la realizzazione di servizi utili alle imprese sammarinesi che da molti anni operano all’interno del territorio nonché per il recupero e l’adeguamento di importanti infrastrutture private. Nella fattispecie le modifiche riguardano: la creazione di nuove aree in località Cà Martino – Cà Amadore e Ciarulla ove effettuare lo stoccaggio di materiali inerti e per la creazione di un’area per i servizi dell’AASS in località Ciarulla; l’adeguamento della casa di prima accoglienza sita in località San Michele;la creazione di un’area di sviluppo da destinare a terziario in Montegiardino".

La ratio del progetto di legge, è stata quella di introdurre una chiara destinazione urbanistica ove coloro che operano nel settore potranno farlo in linea con i parametri di legge e con le prescrizioni che le Commissioni competenti vorranno suggerire per la mitigazione ambientale e per la tutela e la salvaguardia del territorio. Sulla variante di PRG proposta dal Governo in località Montegiardino è stato messo in evidenza come, ad oggi, uno tra i principali edifici storici con valore di monumento, riversi in condizioni precarie e come lo stesso, compresa l’area adiacente, non sia debitamente valorizzata. Il nuovo progetto vuole recuperare l’edificio storico monumentale con un intervento di restauro scientifico compreso il recupero degli edifici accessori ed inserire all’interno dell’area adiacente un parcheggio per la nuova struttura che sarà adibita al pubblico, valorizzando nel contempo, l’intera area per metterla a disposizione della cittadinanza.

RELAZIONE MINORANZA - Poi è toccato ad Augusto Michelotti, Su-LabDem, relatore di minoranza ad esprimere il loro parere sul Prg: "Questa è la seconda legge di varianti al Prg presentata all’Odg della seduta del 14 marzo 2016 della Commissione consiliare IV. Queste varianti però non riguardano lo sviluppo del territorio ma la creazione di servizi utili alla comunità e alle imprese; cosa vuol dire? Vuole essere il tentativo di mettere un rimedio a situazioni evidentemente sfuggite di mano e che non soddisfano particolari settori quali, in alcuni di questi casi, i depositi di materiali e degli inerti delle ditte per costruzioni. Si intende ribadire qui il concetto espresso dai consiglieri di opposizione in Aula durante la discussione di queste leggi e relativo al ricorso continuo di Varianti di Prg che viene considerato come un fallimento della politica nei confronti della buona gestione del territorio. Infatti alcune varianti si identifiano come vere e proprie sanatorie, con tutto il male che possiamo pensare per tale modo di gestire il territorio; le sanatorie sono sempre negative perché oltre a dare un’immagine di grande debolezza per chi governa, instillano nei cittadini il concetto di impunità attraverso provvedimenti che ne correggono gli abusi commessi e quindi li proteggono dalle ritorsioni previste dalla legge.

In fase di discussione in Commissione, di fronte a questa specifica osservazione, ci è stato risposto che comunque certe attività godevano di particolari autorizzazioni e che non tutti i siti coinvolti nelle varianti sono irregolari; si è quindi ammesso di essere arrivati alle autorizzazioni al di fuori del contesto normativo perché in zona agricola e in zona servizi non sono consentiti i depositi di questo tipo.

Anche per questa legge alcuni consiglieri di minoranza hanno deciso di astenersi mentre altri hanno votato contrariamente a tutti gli articoli e all’intera legge".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI