Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Venerdì 20 Ottobre 2017 |

News 26 Maggio 2016

Fondiss, per i democristiani è necessario intervenire sulle norme

Al Comitato amministratore vanno dati “tutti gli strumenti necessari al rilancio per una reale tutela dei risparmi dei lavoratori”

Fondiss, per i democristiani è necessario intervenire sulle norme

È "necessario intervenire al più presto, anche sul piano normativo, per dare al Comitato amministratore tutti gli strumenti necessari al rilancio e alla piena operatività del Fondiss, per una reale tutela dei risparmi di tutti i lavoratori".

Questa è l’opinione del Partito democratico cristiano sammarinese dopo la partecipazione di una sua delegazione all’incontro dello scorso 20 marzo, promosso dal Comitato amministratore di Fondiss, durante il quale il presidente Lino Sbraccia ha relazionato sull’attività svolta dal Comitato, allo scopo di informare la popolazione sul bilancio 2015 e sulla gestione dei fondi.

Il Pdcs, in un comunicato, afferma di aver "preso atto anche di alcune proposte avanzate dal presidente di Fondiss inerenti la garanzia del patrimonio, l’aumento del massimale detraibile fiscalmente e le problematiche operative e organizzative". Inoltre, "considerando la preoccupazione della cittadinanza, e in particolare della giovani generazioni, rispetto all’evoluzione del sistema pensionistico e alle garanzie che esso potrà dare nel prossimo futuro", aggiunge di osservare "con sempre maggiore attenzione l’evoluzione del II pilastro del sistema previdenziale, ribadendo l’importanza della pensione complementare quale strumento per assicurare una significativa quota aggiuntiva alle prestazioni riconosciute dal I pilastro pensionistico".

Alla luce della continua crescita del capitale del fondo e valutando i dati riguardanti i rendimenti, "stanno emergendo con chiarezza le criticità derivanti dalla scelta referendaria del 2014, che ha abrogato il decreto del governo, rispetto alla gestione degli investimenti, alla Banca depositaria e ai rendimenti del capitale, molto al di sotto delle reali possibilità del Fondiss". A oggi la possibilità di investire il capitale esclusivamente nelle banche sammarinesi "non consente di sfruttare le diverse opportunità dei mercati finanziari soprattutto in termini di diversificazione e contenimento dei rischi".

Le esperienze internazionali, a detta del Pdcs, dimostrano che "è possibile ottenere in media rendimenti più elevati degli attuali (che si attestano attorno al 2%) mantenendo un profilo degli investimenti compatibile con la natura previdenziale di un fondo pensione".

In più l’investimento del patrimonio su una pluralità di strumenti finanziari e di mercati "costituisce la modalità più efficace per mitigare i rischi che derivano dalla concentrazione degli stessi", consentendo anche di "qualificare una quota di investimenti attraverso la sua destinazione in nuovi strumenti finalizzati alla promozione dell’economia reale del Paese".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI