Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Lunedì 18 Dicembre 2017 |

News 26 Maggio 2016

Riforma edilizia, gli avvocati e i notai bocciano il progetto. La segreteria al Territorio replica: “Pronti al confronto”

Riforma edilizia, gli avvocati e i notai bocciano il progetto. La segreteria al Territorio replica: “Pronti al confronto”

Presentato in prima lettura - venerdì scorso in Consiglio - il Progetto di legge per la Riforma al Testo Unico delle Leggi Urbanistiche ed Edilizie, che però ha già iniziato a far emergere polemiche e perplessità da parte dell’Ordine degli Avvocati e Notai di San Marino.

Infatti in una nota "il Consiglio Direttivo dell’Ordine degli Avvocati e Notai, su conforme mandato dell’Assemblea degli Iscritti, dopo aver attentamente valutato il testo del Progetto di Legge "Riforma al Testo Unico Leggi Urbanistiche ed Edilizie", adottato dal Consiglio Grande e Generale in prima lettura, rilevato che talune disposizioni introducono rilevanti novità sulla forma e sul contenuto dei pubblici atti destinati al trasferimento ed alla costituzione di diritti reali su fabbricati e terreni, ritiene doveroso portare all’attenzione dell’opinione pubblica le criticità che l’adozione del provvedimento determinerà con riferimento: a un prevedibile e rilevante aggravio dei costi diretti ed indiretti a carico delle parti; all’incertezza nella circolazione dei beni immobili; alla lesione di alcuni principi fondamentali che connotano e caratterizzano le norme che nel nostro Paese presiedono il trasferimento dei diritti reali, riporta la nota dell’ordine.

Nell’interesse generale, l’Ordine degli Avvocati e Notai – conclude la nota- porrà in essere ogni opportuna attività per la necessaria modifica del testo normativo in esame, rappresentando nuovamente alla proponente Segreteria di Stato le più opportune osservazioni in merito.

REPLICA DEL TERRITORIO – Non si fa attendere la replica della Segreteria al terrirorio che scrive in una nota: "In riferimento al comunicato dell’Ordine degli Avvocati e Notai contenente osservazioni al progetto di Legge "Riforma della Legge 19 luglio 1995 n.87 - Testo Unico delle Leggi Urbanistiche ed Edilizie", ed in particolare alla riforma dell’art. 177, si precisa quanto segue: il progetto di legge - sottolinea la Segreteria - riformula lievemente l’articolo 177 della norma vigente, relativo agli atti giuridici, disciplinante gli aspetti urbanistici, edilizi e catastali attinenti al trasferimento e/o alla costituzione di diritti reali su fabbricati e terreni".

Considerato che la norma vigente sancisce, fin dal 1995, la nullità degli atti giuridici in mancanza di alcuni presupposti, non si comprende l’osservazione dell’Ordine circa "la lesione dei principi fondamentali sul trasferimento dei diritti reali".

"L’obiettivo della modifica del testo - ribadisce il comunicato della Segreteria al territorio - è unicamente quello di tutelare il cittadino acquirente di beni immobili, fornendogli una maggior garanzia circa la regolarità urbanistica, edilizia e catastale dell’immobile oggetto di trasferimento. In particolare, la modifica mira a scongiurare il ripetersi dei fenomeni distorsivi del mercato immobiliare, che hanno caratterizzato il periodo di maggior espansione del settore edilizio creando problemi a vari acquirenti".

Il contenuto aumento dei costi, dovuto a tre documenti ulteriori da allegare agli atti, è "comunque irrilevante rispetto alla maggiore tutela che ne deriverà per il cittadino acquirente, in un passaggio fondamentale quale può essere l’acquisto della propria casa".

La prima formulazione dell’articolo di legge in questione "è stata già oggetto di confronto con l’Ordine Avvocati e Notai, le cui osservazioni sono state parzialmente recepite nella formulazione del testo approvato in prima lettura".

E ancora: "Questa Segreteria di Stato conferma - conclude la nota - in ogni caso la disponibilità già manifestata al confronto al fine di formulare un testo possibilmente condiviso, che garantisca tuttavia il soddisfacimento dell’obiettivo principale che è appunto quello di tutelare il più possibile il cittadino che acquista un bene immobile, analogamente a quanto avviene in altri ordinamenti".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI