Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Venerdì 20 Ottobre 2017 |

News 17 Maggio 2016

Civico 10: “Il messaggio uscito dalle urne è chiaro. Ora si deve aprire una fase di condivisione delle scelte”

Sull’abolizione del quorum: “Un passaggio epocale per il nostro Paese”

Civico 10: “Il messaggio uscito dalle urne è chiaro. Ora si deve aprire una fase di condivisione delle scelte”

Civico 10 commenta il giorno dopo i risultati referendari e ammette: "Quella di domenica è stata una giornata molto importante per la Rep. di San Marino. La cittadinanza, con una partecipazione record sul fronte interno, ha sfruttato questi quattro quesiti referendari per dare messaggi molto chiari alla politica e al governo".

"Compito di chi fa politica - sottolinea la nota - è ora cogliere questi risultati per avviare una nuova fase di condivisione delle scelte, partendo proprio dall’adozione di una nuova legge elettorale che sia capace di applicare il quesito sulla preferenza unica prima della prossima tornata elettorale, da una nuova legge sui referendum che preveda l’abolizione del quorum e da un’applicazione del tetto agli stipendi che riesca a non provocare una fuga di professionalità all’interno degli Enti e delle partecipate".

Il movimento si concentra sui quesiti: "Sui primi due temi, in particolare, serve il massimo dialogo fra maggioranza e opposizione e con i Comitati promotori, per fare in modo di impostare le basi di un nuovo sistema democratico senza distorsioni.

La riforma elettorale che dovrà introdurre la preferenza unica, anche per i cittadini all’estero, può infatti essere occasione per ragionare, oltre che dell’introduzione di tecnologie che permettano il voto a distanza, dell’istituzione di un collegio estero con cui i nostri concittadini dal mondo possano eleggere direttamente propri rappresentanti all’interno del Consiglio Grande e Generale" sostiene C10.

"L’abrogazione del quorum ha segnato un passaggio realmente epocale per il nostro Paese. La partecipazione, l’informazione dei cittadini, saranno senza dubbio incentivate dall’assenza di una barriera senza senso, e si inizierà a ricucire la distanza che si è venuta a creare fra Palazzo e cittadinanza negli anni della malapolitica. Anche qui, in accordo con i promotori, andrà rivista l’attuale legge referendaria.

A fianco dell’abrogazione del quorum e alla facilitazione della raccolta firme – da effettuare sotto diretta responsabilità penale del rappresentante legale del Comitato – si potrebbe invece valutare l’incremento del numero delle firme necessarie a sostegno del quesito, come sottolineato dagli stessi rappresentanti del Comitato promotore. In questo modo si otterrebbe, da una parte, una maggiore garanzia del fatto che il quesito sia realmente di interesse generale e non venga sfruttato per una mera battaglia politica, dall’altra che l’assenza del quorum spingerà tutti i cittadini a informarsi e partecipare per non dover subire le decisioni altrui".

E ancora: "Per questo speriamo che la maggioranza non decida di andare avanti a testa bassa. Il messaggio uscito dalle urne è chiaro - conclude la nota di C10 - l’opportunità è importante per l’intera classe politica. Serve unità di intenti e coesione per fare in modo che questa occasione non sia gettata al vento, e che non si rischi nuovamente, come è successo sul quesito del Prg, di avere un Paese spaccato a metà su temi di importanza cruciale per il futuro del nostro Paese e delle nostre Istituzioni".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI