Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
17 Dicembre 2017 |

News 11 Maggio 2016

I segretari Arzilli, Mularoni e Valentini rilanciano i quattro No ai quesiti

I segretari Arzilli, Mularoni e Valentini rilanciano i quattro No ai quesiti

Nessuno stop alla trasformazione del Paese e al suo sviluppo. Da Palazzo Pubblico, i tre segretari di Stato Antonella Mularoni, Pasquale Valetini e Marco Arzilli hanno incontrato ieri mattina la stampa per parlare, più o meno direttamente, del referendum di domenica prossima.

Il quesito più discusso in Repubblica è ovviamente quello sul Polo della moda voluto dall’esecutivo. Votare Sì all’abolizione della variante di Prg, e ostacolare così la sua realizzazione, sarebbe di fatto, per i segretari di Stato, una battuta d’arresto al processo di trasformazione del Paese, tanto faticosamente innescato. "Il Paese - ha mandato infatti a dire il segretario agli Affari Esteri, Pasquale Valentini - non può concedersi pause", proprio ora che "si è riposizionato a livello internazionale e sta assumendo i caratteri di Paese attrattivo. Lo confermano alcuni passaggi importanti, come il negoziato con l’UE, che è un atto significativo nei confronti di San Marino e delle sue prerogative. Ora, per quanto riguarda le materie oggetto dell’accordo, siamo in grado di prospettare il significativo passaggio da Stato terzo a Paese equivalente. Anche nei rapporti bilaterali con l’Italia i livelli di cooperazione sono soddisfacenti: anche la vicenda Torre d’Avorio, paradossalmente, al di là del danno d’immagine, ha invece dato luogo a una manifestazione di fiducia verso il nostro Paese per il modo in cui la questione è stata affrontata". Diversamente, "in questo momento - ha proseguito - i toni e temi assunti in campagna referendaria sembrano contraddire questa visione di Paese". Con il risultato che "chi dice ai cittadini ‘mandiamo a casa il governo’, rischia di mandare a casa il Paese". E ancora: "Che Paese vogliamo? Si vuole interrompere il processo di trasformazione o possiamo cominciare a coglierne i frutti?". Anche gli altri referendum "demagogicamente fanno effetto e possono avere molta presa sull’opinione pubblica", ha ammesso il segretario agli Esteri. Eppure il quesito sul tetto stipendi riguarda "figure con alta professionalità di cui abbiamo bisogno proprio in relazione al percorso di rilancio intrapreso". Mentre l’eliminazione del quorum e la preferenza unica di fatto, ha detto Valentini, non risolveranno nè il problema del voto estero nè quello delle cordate. Il segretario di Stato per il Territorio, Antonella Mularoni, ha espresso le preoccupazione per i giovani e i disoccupati nel Paese. Inoltre, "vorremmo riuscire a garantire ai sammarinesi il tenore di vita degli ultimi decenni - ha continuato - ma senza investitori nuovi, che vengono anche dall’estero, non è possibile". Eppure il Polo della moda "è un primo grosso investimento - ha sottolineato - e altri ne stanno arrivando, ma con questo referendum non diamo un messaggio attrattivo per loro, quando altrove gli fanno ponti d’oro". La Mularoni ha elencato poi una serie di interventi e progetti che vedono impegnata la sua segreteria, volti a migliorare la vivibilità del Paese: "Raccolti 30 milioni da destinare a opere pubbliche in tre anni, partiranno a breve la realizzazione del parcheggio a Borgo Maggiore, che farà fronte alle esigenze sia della popolazione del Castello che di turisti e utenti dei servizi e attività; avanzano i lavori anche per la sistemazione e l’abbellimento delle aree dei parcheggi 6 e 7 e dell’ex pattinaggio, per creare una zona verde dove cittadini e turisti possano godere di uno degli ambienti più belli del centro storico in attesa del varo del progetto di sistemazione definitivo". Anche per Fonte dell’Ovo sono in corso valutazioni per "dar vita a un polo scolastico che diventi un centro studi internazionale, nella logica dei campus per stranieri". Altri interventi riguardano il ripristino di edifici dello Stato per utilizzarli e ridurre le locazioni passive. L’edificio ex Forcellini, per esempio, "sarà destinato a sede di archivi e uffici pubblici".

Uscirà inoltre a giorni "il bando per reperire una sede per San Marino Rtv e a seguire quello per la sede della Gendarmeria, al fine di restituire il Palazzo Kursaal alla sua vocazione congressuale, di intrattenimento e di sede dell’Ufficio del Turismo".

Anche il carcere "sarà ricollocato a Murata, vicino alla sede della Polizia Civile"; la sede dell’Ufficio Automezzi "sarà spostata in altro luogo".

Quanto alle telecomunicazioni, "si sta concludendo il passaggio nelle competenti commissioni del piano per la dislocazione delle antenne, mentre prosegue il posizionamento della fibra ottica". L’ultimo a prendere la parola è stato il segretario per l’Industria, Marco Arzilli: "Il Paese è tornato a crescere dopo sei anni di recessione - ha sottolineato - oggi per chi vuole investire qui ci sono elementi di competitività. I dati parlano molto chiaramente: al 31 dicembre 2015 le imprese sono aumentate del 2,1%, e la tendenza prosegue nel 2016, marzo infatti registra +76 imprese rispetto a marzo 2015. Ovviamente ciò si riscontra anche con benefici in termini occupazionali. Ciò lo si deve alla nuova immagine di San Marino, agli strumenti di competitività implementati che rispondono alle esigenze delle imprese. Un sintomo di fiducia: il + 9% del settore manifatturiero che rappresenta circa il 37% dell’occupazione sammarinese, le 26 aziende dell’incubatore che danno lavoro a 53 persone, e le domande già presentate e anche le recenti aperture di nuove attività lungo la superstrada ne sono un ulteriore conferma. In un anno e mezzo si è fatto un lavoro che altre realtà hanno compiuto in 4 o 5 anni. Occorre proteggere questa fase di crescita, dopo anni in cui i numeri erano tutti negativi, fino a punte di decrescita del -9%". Importante, ha sottolineato Arzilli, anche "la firma dell’accordo che si farà il 2 giugno con l’amministrazione di Huzhou, in Cina, per la creazione di un parco scientifico gemello di quello sammarinese".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI