Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Martedì 16 Luglio 2019 |

News 07 Maggio 2016

Cartiera Ciacci, nessuna contaminazione ambientale dopo l’incendio

Cartiera Ciacci, nessuna contaminazione ambientale dopo l’incendio

"Il 19 aprile scorso è stata adottata dal Congresso di Stato, su proposta del segretario Mularoni, la delibera n. 21 avente a oggetto la riqualificazione del sito industriale Cartiera Ciacci, al fine di rendere l’insediamento produttivo in linea con gli standard previsti dall’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, aperto alla firma a New York il 22 aprile scorso, sottoscritto anche dalla nostra Repubblica. Con tale delibera è stata disposta la nomina di una Commissione tecnica di esperti interni all’Amministrazione incaricata di predisporre una relazione sulle misure migliorative della situazione attuale, che impegnino la proprietà in azioni finalizzate fra l’altro all’efficientamento energetico degli impianti e dell’involucro, alla riduzione dell’impatto ambientale, dell’impatto acustico e dell’impatto paesaggistico/architettonico. La relazione dovrà essere prodotta al Congresso di Stato entro il 19 giugno prossimo". A darne notizia è la segreteria di Stato per il Territorio e l’Ambiente, in seguito all’incendio verificatosi qualche sera fa alla Cartiera Ciacci.

In una nota la stessa segreteria di Stato rassicurata la cittadinanza sull’intervento immediato della Polizia Civile e dei Vigili del fuoco del Comando Provinciale di Rimini per lo spegnimento dell’incendio che fortunatamente non ha causato danni a persone.

Una volta domato l’incendio, il capo della Protezione Civile ha "disposto precauzionalmente il divieto assoluto di accesso all’interno dell’edificio, in attesa delle verifiche tecniche sulle strutture". L’altro ieri, in presenza del Servizio Protezione Civile, il tecnico incaricato dalla proprietà ha "effettuato un sopralluogo ispezionando e valutando gli effetti dell’incendio sulle strutture, certificandone la stabilità; all’esito di tali verifiche l’edificio è stato dichiarato agibile per le necessarie operazioni di ripristino".

Il dipartimento Prevenzione, invece, "si è preoccupato di esaminare immediatamente le matrici ambientali senza riscontrare contaminazioni del vicino torrente né della rete fognaria, attestando che i fumi generati sono stati dispersi senza causare ricadute significative sul suolo". Al fine di garantire la massima sicurezza per i lavoratori sarà inoltre "verificata, prima della ripresa dell’attività, la presenza delle attestazioni riguardanti il ripristino delle linee e degli impianti produttivi dell’azienda".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI