Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Venerdì 26 Aprile 2019 |

News 07 Maggio 2016

Scende in campo il governo e si schiera sui referendum

I segretari Lonfernini, Morganti e Venturini escono allo scoperto a favore del Polo della moda e prendono posizione anche sugli altri quesiti

Scende in campo il governo e si schiera sui referendum

Il referendum del 15 maggio non sia "un momento dettato dalla pancia". Con questo auspicio, tre segretari di Stato hanno inaugurato ieri da Palazzo Pubblico il primo dei tre incontri programmati dai rappresentanti di governo con la stampa, in vista dell’appuntamento referendario. L’agenzia Dire racconta sul proprio portale web che è toccato a Teodoro Lonfernini, Gian Carlo Venturini e Giuseppe Maria Morganti sgombrare il campo dalle "tante inesattezze" ascoltate sul polo della moda. "Su questo progetto- Paese - ha mandato a dire Lonfernini - invitiamo i cittadini a formare le proprie convinzioni, partecipando ai momenti di approfondimento organizzati da entrambi i comitati, quello per il Sì e per il No".

Anche se, da parte dell’esecutivo, aggiunge, resta forte l’auspicio che "The Market" sia realizzato a San Marino. Infatti "È un progetto del congresso di Stato - ha puntualizzato il segretario di Stato al Turismo -, un investimento privato importante e rappresenta il grande desiderio del Paese a tornare ad alzare il livello dal punto di vista economico, sociale e istituzionale". Il polo della moda è di fatto il punto di partenza di "una nuova stagione economica", impossibile da rigettare per Lonfernini: "Dal 2008 - ha proseguito - abbiamo ricostruito i meccanismi su cui gettare le basi della nostra economia e oggi si presenta il primo grande progetto da edificare su quelle solide basi". Anche Gian Carlo Venturini, segretario di Stato agli Affari Interni, ha ribadito che il polo della moda rappresenta "il primo progetto in grado di segnare un’inversione di intendenza, finora abbiamo visto chiudere le aziende e trasferire attività altrove, oggi invece arriva un imprenditore esterno con un investimento significativo a San Marino". Quindi Venturini ha passato in rassegna gli altri quesiti referendari: sull’abolizione del quorum ha ricordatoche solo tre anni fa la soglia è stata abbassata dal 33% al 25%, proprio per incentivare la partecipazione ai referendum, in controtendenza ad altre realtà dove "i quorum sono più alti". Venturini ha poi sottolineato i costi di una tornata referendaria per lo Stato: circa 300mila euro a volta. Sul tetto degli stipendi pubblici a 100mila euro: già per legge, ha ricordato, le retribuzioni devono essere inferiori ai 150mila euro, mentre "il quesito referendario interessa oggi appena 25 funzionari, per lo più medici, magistrati e cariche della vigilanza bancaria e ispettive, tutti settori strategici per il Paese". Infine dubbi anche sulla preferenza unica, "un sistema - ha motivato - che avvantaggerebbe chi è già noto". È intervenuto quindi Morganti sul Polo della moda: "San Marino - ha osservato - oggi è una terra affidabile per investimenti esterni di grande portata, vogliamo cogliere questa opportunità di ripresa?". Mentre sugli altri referendum il segretario di Stato per la Cultura ha ricordato prima di tutto la necessità per San Marino di avere professionisti di alto livello, rigettato poi la preferenza unica, "tipica di un sistema elettorale che non è il nostro". Ha concluso il giro il segretario di Stato al Turismo che ha ripreso la parola invitando i cittadini "a non farsi fuorviare dai quattro soloni presenti in questo Paese che hanno più il desiderio di vederlo affossato che essere protagonista della sua ripresa".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI