Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Martedì 19 Novembre 2019 |

News 06 Maggio 2016

Polo della Moda, Renzi e Cardelli credono nell’investimento

Polo della Moda, Renzi e Cardelli credono nell’investimento

Una sala gremita: la cittadinanza è presente, anzi molto presente. La serata di approfondimento e di spiegazione del progetto del Polo della Moda organizzata dagli investitori sembra abbia dato i suoi frutti. L’equipe di professionisti che stanno dietro al progetto la definiscono un’ "operazione trasparenza".

Durante la serata svolatasi presso la sala del Kursaal di San Marino, l’investitore Maurizio Borletti ha affermato che: "San Marino ha tutte le caratteristiche per essere un outlet di successo: concorrenza limitata, territorio a vocazione turistica, fiscalità leggera, status di patrimonio Unesco" (foto prese dalla pagina Fb del Pdcs).

È l’uomo di Serravalle Scrivia e Barberino, Luca De Ambrosis Ortigara ad entrare nel merito, ponendo a confronto il progetto sammarinese con l’esperienza di nove outlet, italiani e stranieri, da lui portati al successo: "Tra questi nessuna cattedrale nel deserto – riporta Rtv – e qui puntiamo a creare un centro che sia luogo di aggregazione".

Da Fidenza un’iniezione di fiducia. L’ex sindaco Mario Cantini racconta il processo di valorizzazione vissuto da un territorio senza particolari attrattive, il suo, proprio grazie alla presenza dell’outlet: oltre tre milioni di visitatori e importanti ricadute sull’indotto. "Vivetela come un’opportunità e non come una minaccia" - è il suo invito.

Nicola Renzi di Alleanza Popolare, sentito dalla nostra redazione, è entusiasta dopo l’iniziativa degli investitori: "C’è stata una fortissima partecipazione. Quasi 500 persone hanno voluto informarsi e sentire dalla voce degli investitori in che cosa consiste il loro progetto e quali possono essere le ricadute sulla Repubblica di San Marino".

Nicola Renzi poi fa un riepilogo dei numeri del Polo del lusso: "Secondo le stime degli investitori – precisa il coordinatore di Alleanza Popolare – saranno 110 milioni di investimento, 20 milioni di introiti all’anno per lo Stato e 400 posti di lavoro. Il bilancio dell’operazione sarà sempre positivo per lo Stato a partire dal primo anno di investimento, si stima che il Polo porterà 200 milioni di euro di maggiori entrate in 10 anni per lo Stato al netto delle agevolazioni".

E ancora: "Noi come forze politiche facciamo stime più prudenziali, però crediamo sia fondamentale realizzare questo progetto" conclude Renzi.

Anche Alessandro Cardelli del Pdcs commenta la serata sul Polo: "Abbiamo davanti un’occasione unica. La serata di mercoledì è stata molto utile per spiegare il progetto. I numeri in ballo sono incredibili, centinaia di assunzioni di sammarinesi, 100 milioni di investimento, 2 milioni di nuovi turisti, gli appalti e i servizi connessi per i nostri artigiani e le nostre imprese che oggi vedono un mercato edile in crisi, questo può dare una nuova boccata di ossigeno più tutto l’indotto, le entrate monofase. E’ veramente un progetto molto ambizioso e serio. La grande partecipazione è la dimostrazione di come questo progetto interessi alla cittadinanza. I promotori - continua l’esponente Pdcs - hanno dimostrato una grossa disponibilità di confronto, questo investimento farà molto bene alla nostra economia. Sono sicuro che domenica prossima arriverà un risultato a favore di questa iniziativa, in modo che già dai primi di luglio si possano iniziare i lavori di costruzione del nuovo centro. Il paese ha bisogno di opportunità per ripartire, la Dc e la nostra gente crede molto in questa iniziativa".

Al referendum ora l’ardua sentenza.

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI