Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Martedì 20 Agosto 2019 |

News 04 Maggio 2016

Rappresentatività, il segretario Belluzzi esulta per l’approvazione della legge

Rappresentatività, il segretario Belluzzi esulta per l’approvazione della legge

È "il frutto di due anni di attività e di confronto con le diverse sigle sindacali nonché l’esito delle riflessioni svolte e degli spunti raccolti negli incontri e dibattiti svolti in sede internazionale all’Organizzazione deputata alla tutela delle libertà sindacali".

Con queste parole la segreteria di Stato per il Lavoro commenta la recente approvazione del progetto di legge sulla rappresentatività da parte del Consiglio. Si tratta, spiega la stessa segreteria in una nota, di una legge "volta a confermare l’efficacia erga omnes del contratto collettivo di settore, ciò a tutela dei lavoratori, ma anche a definizione dei diritti e dei doveri delle parti coinvolte, con potenziale stimolo per gli investitori esteri a operare nella nostra Repubblica". In dettaglio, il testo "è utile a chiarire chi si rappresenta e chi ha il mandato alla sottoscrizione dei contratti di settore con efficacia erga omnes; cioè quali sigle rappresentano la maggioranza dei soggetti che sono i destinatari degli effetti del contratto o sono chiamati ad applicarlo più volte".

La maggioranza ha quindi voluto "riconfermare il ruolo della contrattazione e dell’efficacia erga omnes in favore dei lavoratori soprattutto in momenti di crisi come quello che il Paese ha attraversato dal 2008 a oggi".

Sul finanziamento delle organizzazioni sindacali, invece, per la segreteria Lavoro è "importante sottolineare che l’intervento legislativo ha il solo e precipuo scopo di dettare regole affinché i sindacati del lavoratori si rendano sempre più economicamente indipendenti e autosufficienti a garanzia della loro massima indipendenza vista la funzione che sono chiamati a svolgere nel vivere democratico del nostro Paese".

Il segretario Belluzzi, sempre nello stesso comunicato, non solo ritiene "importante evidenziare come Sinistra Unita, senza preconcetti o spirito di fazione, abbia saputo leggere positivamente i contenuti della proposta a tutela del sistema economico e delle relazioni industriali sammarinese, uscendo dalle logiche di contrapposizione tra maggioranza e opposizione" ma ringrazia anche l’Organizzazione internazionale del lavoro "per l’importante funzione di supporto nella stesura definitiva del progetto di legge; il che ci rende ancor più certi di aver operato nel rispetto delle Convenzioni internazionali in materia di libertà sindacale".

"Nella convinzione e nel pieno delle proprie responsabilità, come sempre si è fatto - termina la nota -, il governo ribadisce che questa legge si è resa necessaria per una corretta gestione delle relazioni industriali anche alla luce dei primi dati di ripresa post crisi del 2008 e, più generalmente, per il bene del Paese. Ora spetta alle parti sociali darvi piena e corretta attuazione".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI