Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Venerdì 18 Ottobre 2019 |

News 28 Aprile 2016

Conto Mazzini, continua l’esame dei testimoni

Conto Mazzini, continua l’esame dei testimoni

Prosegue l’escussione dei testimoni al Processo sul Conto Mazzini. In mattinata e’ stata la volta di Linda Zafferani, ex cassiera di Banca Commerciale. Una testimonianza caratterizzata da un lungo elenco di ‘non ricordo’. Poi avrebbe dovuto essere sentito l’ex direttore di Bcs, Gilberto Canuti ma diverse difese hanno sollevato un’eccezione, sostenendo che Canuti, in quanto ex indagato nello stesso procedimento (la sua posizione e’ stata archiviata per prescrizione)avrebbe dovuto testimoniare, almeno con l’assistenza di un suo avvocato, riporta Rtv. Per il Pf Cesarini, invece, Canuti avrebbe potuto deporre, cosi’ come previsto. Il Giudice Felici si e’ ritirato in camera di consiglio alle 12:40 circa per valutare la situazione e dopo circa 45 minuti ha comunicato alle parti che Canuti può deporre come testimone, sotto giuramento, e che non potrà in nessun modo essere incriminato per quello che dirà in relazione ai fatti oggetto del processo, poiché per tali fatti la su posizione e ‘ prescritta.

ASCOLTATI CASALI E DELLA BALDA - Nella giornata di martedi sono stati sentiti Augusto Casali e Emilio Della Balda. Nonostante le sollecitazioni degli avvocati Augusto Casali, ex presidente del Partito Socialista, non fa esempi concreti ma la sua escussione conferma il ‘metodo San Marino’ delineato dall’accusa, capace di indirizzare nomine, gestire l’economia, favorire il consenso; apre il capitolo voto estero, tema sensibile fin dagli anni 50, punta il dito contro accordi sospetti, come quello del 2002 tra democrazia cristiana e socialisti ed il numero delle preferenze: "nel 2001 ero segretario politico e ne ottenni 600, mentre Stolfi ed Andreoli arrivarono a sfiorare le 1.500", la velocità con cui alcuni esponenti del PSU sapevano affidare le nomine che contano, la disinvoltura con cui un imprenditore gli consegnò una busta con dei soldi negli anni 90, quando era segretario al Turismo, e che subito restituì. L’impianto del teorema rimane sullo sfondo anche quando, con Emilio della Balda, il discorso scava le movimentazioni attraverso Finproject, di cui Della Balda fu presidente dal 2005 al 2008, prima cioè di ricoprire il medesimo ruolo in Banca Commerciale Sammarinese. Entrambi ruoli di responsabilità con scarsa possibilità di controllo, in particolare per quel che riguarda il primo incarico, che gli furono proposti da Bruscoli e Roberti: con i due, è rimasto in contatto fino al 2014, quando l’inchiesta giudiziaria aveva già i motori bollenti. Della Balda raccolse i loro sfoghi legati alla vicenda giudiziaria senza rinfacciare loro responsabilità e rischi cui lo avevano esposto, compreso quello di un’azione di responsabilità che il commissario liquidatore Varriale aveva ipotizzato; fino al fatto stesso di essere seduto in un aula di Tribunale a rispondere a domande che hanno si ripercorso il sistema Bcs (dai finanziamenti ai libici alle truffa Gi.val che segnò l’inizio della fine, fino alla parcella al socio libico), ma che per quel che riguarda gli avvocati di parte civile avevano un solo obiettivo. Quale lo ha detto chiaramente il legale dell’eccellentissima Camera, l’avvocato Monteleone: "era un presidente pilotato dagli imputati di questo processo" riporta Rtv.

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI