Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
16 Giugno 2019 |

News 21 Aprile 2016

Cultura d’impresa, firmato un accordo per un futuro di innovazione e sviluppo

Patto tra Techno Science Park, Università e Bac per cambiare marcia

Cultura d’impresa, firmato un accordo per un futuro di innovazione e sviluppo

Una marcia in più per il Techno Science Park San Marino - Italia, la struttura che ha come core business lo sviluppo dell’innovazione nel territorio sammarinese, grazie all’appoggio di due importanti realtà del Titano. Ieri, infatti, il presidente del TSPark, Alessandro Giari, ha sottoscritto un accordo con l’Università degli Studi della Repubblica di San Marino, rappresentata dal rettore Corrado Petrocelli, e con Banca Agricola Commerciale (BAC), rappresentata dall’amministratore delegato Pier Paolo Fabbri. I contenuti del documento permetteranno di dare una nuova spinta alla cultura d’impresa legata all’innovazione che sempre più sta caratterizzando il territorio sammarinese, anche grazie all’avvio dell’Incubatore d’Impresa, capace di raccogliere 24 startup tecnologiche in solo due anni di attività. Le due realtà, una istituzionale e l’altra privata, credono fortemente nel Techno Science Park come leva per lo sviluppo economico e tecnologico del Paese, un obiettivo perseguito utilizzando l’innovazione come motore per la crescita di competitività. Proprio per questo hanno deciso di mettere in campo risorse utili, ciascuna nel proprio settore di riferimento, per fare sistema e sviluppare pienamente le potenzialità dell’Incubatore d’Impresa.

Banca Agricola Commerciale metterà a disposizione due milioni di euro per sostenere l’attività delle startup incubate. Grazie all’accordo i nuovi imprenditori avranno a disposizione, gratuitamente, la consulenza finanziaria di un rappresentante BAC e la possibilità di accedere a un finanziamento a condizioni agevolate. L’istituto bancario metterà inoltre a disposizione due specifiche borse di studio finalizzate allo sviluppo di nuove tecnologie, che consentiranno il supporto, la crescita e l’accelerazione di imprese innovative, oltre che nuovi modelli d’innovazione.

L’Università, da parte sua, si impegna a organizzare un’azione di monitoraggio tecnologico mirata ad attivare startup innovative e cicli di formazione dedicati agli imprenditori, per favorire lo sviluppo delle competenze aziendali. Techno Science Park San Marino - Italia, Università degli Studi della Repubblica di San Marino e Banca Agricola Commerciale hanno pianificato la costituzione di un Gruppo Consultivo, con il compito di promuovere e realizzare i contenuti dell’accordo.

Durante la conferenza sono intervenuti: Marco Arzilli, Segretario di Stato all’Industria, che ha affermato: "Quello di oggi è un passo avanti fondamentale per il Parco Scientifico Tecnologico: si realizza un’imprescindibile sinergia pubblico privato, grazie alla lungimiranza e alla volontà di sostenere progetto da parte di Bac. Innovazione e tecnologia sono ormai considerati gli unici motori dello sviluppo a livello internazionale".

Poi è intervenuto anche Giuseppe Maria Morganti, Segretario di Stato alla Cultura: "È un momento che possiamo considerare storico per nostro paese, da qui parte nuova economia della Repubblica. Chi sarà protagonista del futuro constaterà questo passaggio epocale. Già da tempo era in essere la sinergia tra le competenze tecnologiche maturate nel PST e la conoscenza messa a disposizione dall’Università. Ora il settore privato ha compreso la validità di investire in questo settore".

Ma anche Alessandro Giari: "È il segnale di un nuovo percorso concreto, la costruzione progetto ambizioso che è il territorio dell’innovazione. Un progetto che ora ha le gambe date anche dal supporto del settore privato, che permette alle imprese tecnologiche di svilupparsi e crescere. Perché ciò accada servono sinergie, serve una visione comune da parte di diversi soggetti. Oggi sigliamo un accordo di principi, ma anche obiettivi strategici a medio breve termine".

E infine Corrado Petrocelli: "Questo accordo è una base fondamentale per operare in maniera sinergica. Oggi la competitività é impossibile senza investimenti in innovazione e tecnologia, e chi accompagna le imprese in questa strada sono l’Università, con le sue competenze, e la finanza".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI