Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Giovedì 19 Settembre 2019 |

Eventi, News 21 Aprile 2016

Bambini e ragazzi alla scoperta dei tesori della “Tanaccia”

Recuperati da un’antica area di culto diversi reperti come statuine in bronzo e terracotta di devoti

Bambini e ragazzi alla scoperta dei tesori della “Tanaccia”

Si stanno tenendo in questi giorni le attività didattiche sul sito archeologico della "Tanaccia", che gli Istituti culturali-Musei di Stato e il dipartimento di Scienze Umane dell’Università di San Marino hanno organizzato per le scuole sammarinesi. "Nell’antichità le cime dei monti, vicine al cielo e agli dei, erano spesso considerate luoghi sacri. Ritrovamenti fortuiti e successivi scavi archeologici (1990-1992) hanno permesso di individuare sul Monte Titano, in località ‘Tanaccia’ - si legge in una nota degli Istituti culturali-Musei di Stato -, un’antica area di culto, attiva dalla seconda età del Ferro alla prima età imperiale (V a.C. - I d.C.)".

Il culto era "connesso alla presenza di una grotta posta alla base di uno sperone roccioso e di un piccolo pianoro sovrastante". Tra i reperti recuperati "piccole statuine in bronzo di devoti, che venivano fissate direttamente sullo sperone roccioso con piombo fuso; ex voto in terracotta raffiguranti braccia e dita, cioè le parti del corpo oggetto di guarigione; numerose monete". Dopo un periodo di abbandono, la Tanaccia fu "nuovamente occupata in età tardoantica (IV - prima metà VI secolo d.C.), probabilmente a scopo militare". A quest’epoca "risale una cisterna per l’acqua".

Le attività didattiche prevedono una passeggiata archeologica alla Tanaccia e sul crinale del Monte Titano, "in modo che i bambini-ragazzi abbiano un contatto diretto con il sito archeologico e il paesaggio".

La visita prosegue al Museo di Stato, "dove i partecipanti possono analizzare, anche con l’ausilio di apposite schede didattiche, i reperti descritti durante il percorso". Qualora non sia possibile effettuare la passeggiata, la visita al Museo è "preceduta da un’attività laboratoriale sui culti antichi".

Due diverse attività "per favorire, in un’interazione tra museo e territorio, la conoscenza del patrimonio archeologico sammarinese alle nuove generazioni di cittadini, grazie alla collaborazione tra Istituti culturali e Università degli studi della Repubblica di San Marino".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI