Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Mercoledì 25 Aprile 2018 |

Sport 01 Marzo 2016

CALCIO: Fifa, Crescentini aveva previsto tutto: “A Infantino ho detto che avrebbe vinto”

“A Infantino ho detto che avrebbe vinto”

CALCIO: Fifa, Crescentini aveva previsto tutto: “A Infantino ho detto che avrebbe vinto”

Per informazioni, e soprattutto previsioni, rivolgersi a Giorgio Crescentini. Con il senno di poi, evidentemente, venerdì scorso a Zurigo bastava ascoltare il presidente della Federazione Sammarinese Gioco Calcio, che prima delle votazioni per eleggere il nuovo capo della Fifa, aveva previsto tutto con largo anticipo: "E’ andata esattamente come prevedevo, al centesimo - sorride dal suo ufficio alla Casa del Calcio il presidente - e infatti a Infantino, che era il nostro candidato, al mattino prima delle elezioni avevo detto di stare tranquillo e di non preoccuparsi, perchè alla fine ero sicuro che avrebbe vinto. Gianni era molto sereno e mi ha sorriso, convinto del suo programma e della sua forza. Cosa mi ha colpito di lui? Il discorso introduttivo al Congresso. Nella sua presentazione, ha cominciato citando le sue origini italiane di cui va fiero e la sua famiglia. Ha scelto il profilo basso e ha ringraziato i suoi familiari, meglio di così non poteva partire. Mi ha dato la sensazione di essere una persona umile ma anche forte, un vero e proprio leader con spiccata personalità. Insomma, ha parlato da protagonista senza dimenticare la sua dimensione".

La vittoria di Infantino è arrivata al secondo turno di votazioni in un pomeriggio che Crescentini ripercorre così: "E’ stata una giornata emozionante, ma in fondo avevo previsto che sarebbe andata proprio così. Dopo il primo turno, con l’uscita del principe Ali e di Champagne, c’era solo da stabilire dove sarebbero andati a finire i voti del principe. I suoi 27 alla fine sono andati a Infantino e sono stati proprio quelli che hanno fatto la differenza. Non era scontato che potesse portare i suoi elettori verso l’Uefa". Come ampiamente spiegato prima di salire in Svizzera, per il numero 1 della Fsgc questo è un risultato eccellente in termini di politica estera: "Con Infantino continuiamo a giocare in casa, perchè lui parla la nostra lingua e ci conosce perfettamente. Insomma, meglio di così non poteva andare perchè al comando della Fifa è salito l’uomo giusto, il migliore possibile".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI