Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Martedì 21 Novembre 2017 |

News 20 Novembre 2016

AL VOTO CON L’OMBRA DEL BALLOTTAGGIO

Tutto pronto per le elezioni politiche: 33.985 cittadini si potranno recare alle urne. La soglia dello sbarramento può andare da una percentuale minima dello 0,40% fino a un massimo 3,5%

AL VOTO CON L’OMBRA DEL BALLOTTAGGIO

Saranno 33.985 gli elettori (22.406 residenti in territorio; 11.579 all’estero) che oggi si potranno presentare alle urne per le elezioni politiche e decidere chi governerà il Paese nella prossima legislatura.

COME SI VOTA

Gli elettori devono presentarsi ai seggi muniti di certificato elettorale e di un documento di riconoscimento completo di fotografia, anche scaduto, purché sia rilasciato da un Ufficio abilitato della Repubblica, riporta la guida pratica delle elezioni.

In mancanza di tale documento, l’elettore può essere ammesso a votare se il Presidente o uno degli scrutatori lo conoscono personalmente e ne attestano l’identità.

Se costoro non sono in grado di accertare l’identità, questa può essere attestata con la firma di due elettori iscritti in una delle sezioni elettorali appartenenti al medesimo Castello e la cui identità sia nota all’Ufficio di sezione medesimo.

II voto di lista si esprime tracciando, con la matita copiativa, un segno sul simbolo corrispondente alla lista prescelta o nel rettangolo che lo racchiude.

II voto di lista è valido anche se l’elettore, oltre al segno sul simbolo di lista, traccia un segno sul nome della coalizione di cui fa parte la lista votata o all’interno del riquadro che lo racchiude.

Se l’elettore intende votare la sola coalizione, deve tracciare unicamente un segno sul nome della coalizione o all’interno del rettangolo che lo contiene.

L’elettore può manifestare la preferenza per un unico candidato appartenente alla lista prescelta.

La preferenza si esprime scrivendo, con la matita copiativa nell’apposita riga stampata sulla scheda, il nome ed il cognome, oppure il cognome soltanto, oppure il numero di lista, o entrambi del candidato prescelto.

Se due candidati hanno lo stesso cognome, l’elettore deve indicare anche il nome, se hanno lo stesso nome e cognome, anche la data di nascita. Se il candidato ha più cognomi, è sufficiente indicare uno dei due, entrambi i cognomi sono necessari quando vi sia la possibilità di confusione tra più candidati.

Se l’elettore non ha indicato alcun contrassegno di lista, ma ha scritto, usando il cognome, o il nome ed il cognome, o il cognome ed il numero corrispondente, una preferenza, si intende inequivocabilmente che abbia votato la lista alla quale appartiene il candidato prescelto. Nel caso l’elettore abbia espresso più di una preferenza, si intendono annullati tutti i voti di preferenza espressi. Resta valido il voto di lista.

La scheda non deve contenere scritture o segni artificiosi e suscettibili di riconoscimento dell’elettore. Per tali casi la legge prevede la nullità della scheda. E’ altresì nulla la scheda che contenga l’espressione del voto per più di una lista anche se appartenenti alla stessa coalizione, per più coalizioni, o per una coalizione ed una lista ad essa non appartenente. Sono nulle le schede non compilate con la matita copiativa.

Inoltre sono nulle le preferenze nelle quali il candidato non è indicato con la chiarezza necessaria a distinguerlo da ogni altro candidato.

E’ vietato introdurre nelle cabine elettorali telefoni cellulari e altri apparecchi in grado di fotografare o registrare immagini.

La violazione di tale divieto comporta la nullità della scheda e l’applicazione di sanzioni penali. L’elettore deve consegnare al Presidente di seggio le apparecchiature di cui sopra, che gli saranno riconsegnate dopo l’espressione del voto.

LISTE E COALIZIONI

Si elencano tutte le Coalizioni e le Liste che si presentano alle consultazioni elettorali del 20 novembre 2016, nell’ordine in cui sono state sorteggiate dalla Commissione Elettorale nella seduta del 17 ottobre 2016

COALIZIONE "ADESSO.SM"

n.1 REPUBBLICA FUTURA (che accorpa Alleanza Popolare e Unione per la Repubblica)

n.2 CIVICO 10

n.3 SINISTRA SOCIALISTA

DEMOCRATICA (che riunisce Sinistra Unita, Laboratorio Democratico, Progressisti Riformisti).

COALIZIONE "SAN MARINO PRIMA DI TUTTO"

n.4 PARTITO DEI SOCIALISTI E DEI DEMOCRATICI

n.5 PARTITO DEMOCRATICO CRISTIANO SAMMARINESE

n.6 SAMMARINESI (che unisce Noi Sammarinesi e Sammarinesi Senza Confini)

n.7 PARTITO SOCIALISTA

COALIZIONE "DEMOCRAZIA IN MOVIMENTO"

n.8 MOVIMENTO CIVICO R.E.T.E.

n.9 MOVIMENTO DEMOCRATICO SAN MARINO INSIEME

LISTA NON COALIZZATA

n.10 LISTA DELLE PERSONE LIBERE

LISTA NON COALIZZATA

n.11 RINASCITA DEMOCRATICA SAMMARINESE

APERTURA

E CHIUSURA DEL SEGGIO

Il Presidente di seggio, dopo aver ricevuto dalla Commissione Elettorale il materiale per le elezioni, alle ore 6 del giorno delle votazioni costituisce l’Ufficio elettorale di sezione chiamando a farne parte gli scrutatori e invitando ad assistere alle operazioni i rappresentanti delle liste dei candidati. Il Presidente designa uno scrutatore quale Vice Presidente ed un altro scrutatore quale Segretario; quindi procede a firmare le schede sul dorso, avvalendosi della collaborazione degli scrutatori e dopo aver verificato il numero degli iscritti, si legge dalla guida delle elezioni.

Durante lo svolgimento di queste operazioni nessuno può allontanarsi dalla sala.

Al termine, il Presidente dichiara aperta la votazione, verso le ore 7.00. Durante tutte le operazioni di voto almeno due dei tre componenti il seggio devono essere sempre presenti. Se si assenta il Presidente o il Segretario le rispettive funzioni sono assunte dal Vice Presidente. Le operazioni di voto restano aperte normalmente fino alle ore 20.00. Possono prolungarsi oltre questo orario se continuano ad arrivare ininterrottamente elettori per votare. Tuttavia, dopo le ore 21.00 il Presidente accerta il numero degli elettori presenti che ancora non hanno votato e consente solamente a questi di votare. Poi dichiara definitivamente chiusa la votazione. Nella sala delle votazioni non può entrare nessuno se non munito di certificato elettorale di iscrizione nella lista di quella stessa sezione, riporta la guida delle elezioni.

Se nel primo turno delle votazioni nessuna coalizione o lista raggiunge la maggioranza del 50% + 1 dei voti validi e non riesce neppure a conseguire i 30 dei 60 seggi in Consiglio Grande e Generale, si ricorre ad un secondo turno di votazione che vede in ballottaggio le due coalizioni/liste che hanno ottenuto più voti al primo turno.

La Reggenza, con suo decreto, indice la votazione di ballottaggio che deve tenersi la seconda domenica successiva al primo turno di votazione, riporta la guida pratica delle elezioni.

COMPUTO DEI VOTI

Sulla base dei verbali compilati dalle singole sezioni, l’Ufficio Elettorale somma i voti ottenuti da ciascuna lista e da ciascun candidato. Questa
operazione determina la cifra elettorale di ogni lista e la cifra individuale di ogni candidato.

Cifra elettorale di lista: La cifra elettorale di ciascuna lista - costituita dalla somma dei voti validi che quella lista ha ottenuto in tutte le sezioni - serve per determinare:

a) l’ammissione della lista alla distribuzione dei seggi;

b) il numero dei seggi nel Consiglio Grande e Generale spettante a ciascuna lista.

A seguito della riforma elettorale del 2007 ciascuna lista ha diritto ad essere rappresentata in Consiglio Grande e Generale se ottiene una cifra elettorale pari o superiore ad una percentuale fissata dalla legge.

La frammentazione delle forze politiche viene infatti disincentivata attraverso uno "sbarramento" (limite di voti minimo da raggiungere per poter accedere al Consiglio) variabile (poiché legato al numero di liste che si candidano), che può andare da una percentuale minima dello 0,40% fino ad un massimo del 3,5%.

Ad esempio, se alle elezioni si presentano 6 liste, lo sbarramento è fissato al 2,4% (6 x 0,40%). Se si presentano 7 liste, diventa del 2,8%. Ipotizzando che il numero totale di voti validi sia pari a 22.046 e che le liste partecipanti siano 7, lo sbarramento corrisponde a 617,288 voti (2,8%), per cui i seggi saranno assegnati alle sole liste che hanno ottenuto almeno 618 voti. La lista che consegue una percentuale di voti validi inferiore a quella dello sbarramento non ottiene quindi alcuna rappresentanza in seno al Consiglio Grande e Generale.

Cifra individuale dei candidati - La cifra individuale di ciascun candidato - data dalla cifra elettorale di lista cui appartiene quel candidato, sommata alle preferenze che quel candidato ha riportato in tutte le sezioni elettorali - determina la graduatoria dei candidati all’interno della lista. In caso di parità di cifra individuale, viene proclamato eletto il candidato:

- di genere femminile;

- con maggior anzianità di presenza in Consiglio Grande e Generale;

- con maggiore età anagrafica.

La riforma elettorale del 2007 favorisce l’accesso delle donne in Consiglio Grande e Generale: le liste, infatti, non possono contenere più di 2/3 di candidati dello stesso genere.

Cifra elettorale di coalizione- La cifra elettorale di coalizione è data dalla somma della cifra elettorale di ciascuna lista facente parte della coalizione medesima (comprese quelle non ammesse alla distribuzione dei seggi, cioè quelle liste che non hanno diritto alla rappresentanza consiliare perché non hanno raggiunto il quoziente di cui sopra) e dei voti espressi unicamente nei confronti della coalizione, senza espressione del voto di lista. Ad esempio: la coalizione Z è formata dalle liste A, B e C, che hanno ottenuto rispettivamente: 3.720 (lista A), 6.030 (lista B) e 580 (lista C).

Sono inoltre stati espressi 234 voti a favore della sola coalizione Z (e cioè senza indicazione del voto di lista), riporta la guida delle elezioni. La cifra elettorale della coalizione Z, data dalla somma dei voti conseguiti dalle liste A, B, C e dalla sola coalizione è di 10.564 voti, anche nel caso in cui la lista C non dovesse superare la soglia di sbarramento.

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI