Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Seguici su seguici su Facebook
Mercoledì 26 Febbraio 2020 |

News 18 Novembre 2016

Democrazia in movimento vuole cambiare il sistema

La coalizione si definisce “compatta, allegra e con la volontà di distruggere la struttura che ha retto il Paese per tanto tempo”

Democrazia in movimento vuole cambiare il sistema

"Non basta cambiare qualche pedina, va cambiato il sistema": è un appello accorato quello lanciato ieri dalla sede di Fiorina dei due movimenti di Democrazia in movimento, Rete e Md-Si, nelle ultime fasi della campagna elettorale. I portavoce della coalizione, riporta la Dire in un proprio lancio, hanno alle loro spalle molti aderenti e candidati nell’incontro con la stampa, in cui leggono il "manifesto" in cui descrivono "chi sono e cosa vogliono fare per il Paese". Alessandro Rossi, Md-Si, lo chiarisce subito: "Siamo un gruppo compatto, allegro, con la volontà di sconfiggere e ridurre ai minimi termini il sistema che ha retto il Paese per tantissimo tempo". E "sistema" è la parola chiave per definire "l’intreccio di interessi privati - prosegue Rossi - non limitati da istanze di interesse pubblico, in grado di piegare leggi, norme e procedure a discapito della collettività". Sistema è, in definitiva, "quando i politici scendono a compromessi con singoli privati, favorendoli e creando per loro corsie preferenziali". Quindi chi incarna il sistema? Adele Tonnini di Rete punta il dito contro il "sistema clientelare e parassitario della Dc" e contro quello "oligarchico e moralista di Ap", entrambi "due facce della stessa medaglia" perchè il metodo usato sui cittadini "è lo stesso", ovvero scelte calate dall’alto, il considerarli un "popolo bue", per esempio. Per Luca Lazzari, Md-Si, "il sistema non è un Paese ma cio’’ che lo abbruttisce e lo sfrutta". Elena Tonnini, Rete, pone un lungo elenco di domande cui in questi anni non è stata data risposta: in primis, chi sono i proprietari delle banche? E soprattutto, "chi prende veramente decisioni Paese?". Emanuele Santi, Md-Si, sottolinea come i candidati della coalizione "non abbiano mai approfittato a fini personali delle opportunita’’ del sistema, non hanno mai avuto ruoli decisionali apicali, non hanno legiferato in favore dei loro interessi personali". Quindi Roberto Ciavatta, Rete, denuncia chi insinua che la propria coalizione ne faccia parte: "È la nostra storia, sono i fatti a dimostrare la nostra estraneità". Quindi l’antidoto: "L’unico modo per combattere uno di questi partiti e’’ combattere l’intero sistema", manda a dire, non dimenticando di punzecchiare gli altri civici in corsa. "Chi decide di allearsi con loro- dice riferendosi a C10- entra nel sistema e se ne macchia indelebilmente". In questi 4 anni di opposizioni si è fatto il possibile, e non e’’ stato poco ammette, ma "un sistema così radicato- prosegue Ciavatta- non lo si cambia in quattro dentro il Consiglio Grande e Generale". Adesso invece "è arrivato però momento di scalzare il sistema- conclude- non più solamente di ostacolarlo".

Stampa la pagina Invia ad un amico
L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Copia qui il codice Anti-Spam 

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs. n.196/03 (trattamento dei dati sensibili), La informiamo che i Suoi dati verranno raccolti da La Serenissima il giornale dei sammarinesi al fine di adempiere a Sue specifiche richieste.
I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici.
Il conferimento dei dati ha natura facoltativa.
I dati non saranno oggetto di comunicazione e diffusione, e potranno essere messi a conoscenza degli incaricati della specifica operazione.
A norma dell'art. 7 del Codice, ha diritto di avere conferma dell'esistenza o meno di Suoi dati presso di noi; di ottenere aggiornamento, rettifica o integrazione dei dati o il loro blocco o cancellazione per violazione di legge o cessata necessità di conservazione; di opporsi al trattamento per motivi legittimi.

* Campi richiesti
Seguici su seguici su Facebook
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI